Fare ‘impresa sociale’: il Green Bar al Parco di Serravalle

Ha preso il via in un 13 agosto d’estate il progetto del ‘Green Bar’, il chiosco posto all’ingresso del parco di Serravalle a Empoli che sarà gestito dalla Cooperativa Sociale SintesiMinerva.

Il Green Bar valorizzerà l’area verde più importante di Empoli, offrendo ai cittadini un punto di ristoro per vivere al meglio il parco in tutte le stagioni. Ma la finalità della struttura non si limita a offrire bevute e spuntini: il chiosco è pensato innanzitutto come un ‘luogo di comunità’ che ha come obiettivo quello di coinvolgere la cittadinanza in eventi culturali e ludici, iniziative e progetti di varia natura. Non solo un bar, quindi, ma un progetto molto più ampio che ha prevalentemente scopi sociali.

Il chiosco rappresenta innanzitutto un’opportunità di inclusione. Il Comune di Empoli, proprietario della struttura, ha infatti scelto di legare la locazione della struttura ad un progetto di inserimento lavorativo per persone svantaggiate, e la Cooperativa SintesiMinerva, da anni impegnata su questo tema, ha raccolto con piacere il testimone dell’Amministrazione Comunale: fino a settembre al chiosco lavoreranno sei operatori della cooperativa, poi SintesiMinerva attiverà progetti di inclusione lavorativa che dovrebbero coinvolgere circa 8 persone all’anno, con tipologie contrattuali specifiche per ogni persona. Infine il Green Bar si inserisce in un percorso portati avanti da anni verso la valorizzazione dell’Economia Circolare, con l’utilizzo di prodotti del territorio e provenienti da progetti di inclusione sociale, cura della persona o a carattere solidale.

Il progetto ha quindi due obiettivi: inserire soggetti fragili in ambito lavorativo e valorizzare un’area green come il parco di Serravalle, nodo cruciale della comunità empolese.

UN NUOVO MODELLO DEL FARE COOPERATIVA

Per la Cooperativa Sintesi Minerva il ‘Green Bar’ è un modo per ripensare il fare cooperativa. Oltre alla gestione di servizi pubblici, abbiamo scelto di fare anche ‘impresa sociale’: attività a carattere commerciale, ma nell’interesse della comunità. Il chiosco sarà innanzitutto un servizio per i cittadini, un luogo di cultura e socialità, ma anche un modello di economia sociale finalizzato a offrire nuove opportunità a soggetti svantaggiati.

NON SOLO UN BAR: UN CENTRO POLIFUNZIONALE

La struttura ha una dimensione di circa 48 metri quadrati coperti oltre a circa 60 metri quadrati di superficie all’aperto, con tavoli e sedute per la somministrazione di alimenti. La struttura polivalente svolgerà la funzione di bar, ristoro, servizi igienici e punto informativo all’ingresso del parco. Sarà possibile consumare colazioni, pranzi veloci, merende e aperitivi, anche all’aperto. In vendita panini, bevute, spuntini e gelati.

La Cooperativa SintesiMinerva ha pensato a questo spazio anche come un centro ricreativo e culturale che coinvolga la cittadinanza: al chiosco saranno organizzati concerti e intrattenimento musicale, presentazioni di libri, gruppi di lettura ed eventi culturali, mostre e iniziative ludiche per tutte le età. L’intenzione è quella di valorizzare l’ambiente-parco e l’attività motoria, organizzando corsi di yoga o ginnastica dolce all’aperto.

Non ci sarà alcun tipo di barriera architettonica.

ORARI DI APERTURA

Gli orari del ‘Green Bar’ saranno molto ampi, dal lunedì alla domenica no stop, dalla mattina alle 10 fino a sera.

L’AFFIDAMENTO

Il bando prevedeva una locazione di 6 anni, rinnovabili per altri 6. Era riservato alle cooperative di tipo B e enti del terzo settore e tra i requisiti richiesti prevedeva l’attivazione di un progetto di inserimento di persone svantaggiate.

Il Green Bar è su Facebook e Instagram: visita la nostra pagina per seguire le attività della struttura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.